Semi di Chia

I semi di chia sono ottenuti dalla  Salvia hispanica, una pianta erbacea  molto diffusa ed utilizzata in Centro e Sud America. La parola “chia”, in atzeco significa “forza” e lo sanno bene i popoli di alcune zone del Messico e del Guatemala, dove la chia viene coltivata.

Il contenuto di calcio rende i semi di chia una delle fonti vegetali principali di tale minerale, insieme ai semi di sesamo; ne sono 5 volte più ricchi del latte vaccino. Altri minerali contenuti nei semi di chia sono: il ferro, il potassio, il selenio, lo zinco, il boro, il molibdeno, il magnesio. Come i semi di lino, invece, contengono acidi grassi essenziali, omega3 ed omega6. 100 grammi di semi di chia contengono circa 20 grammi di omega3, una proprietà che li rende la fonte vegetale più ricca di questi acidi grassi essenziali. Presentano un contenuto di vitamina C significativo: circa 7 volte superiore a quello delle arance. I semi di chia sono naturalmente ricchi di aminoacidi e di antiossidanti.

Per quanto riguarda il loro contenuto calorico, i semi di chia apportano 70 calorie ogni 15 grammi di prodotto, quantità corrispondente a circa un cucchiaio di prodotto, che apporta nel contempo circa 3 grammi di proteine e 7 grammi di carboidrati, oltre agli acidi grassi ed ai sali minerali già elencati. I semi di chia non contengono colesterolo né zuccheri semplici.

A differenza dei semi di lino, i semi di chia non irrancidiscono e possono essere conservati anche per anni in dispensa all’interno di un contenitore ben chiuso.

I semi di chia, in virtù delle loro proprietà nutrienti, rappresentano una importante fonte di energia per il corpo umano. Inoltre svolgono un’azione equilibrante per l’organismo: regolano la glicemia, il livello di colesterolo e  la pressione sanguigna. Migliorano la funzionalità intestinale e  svolgono un ruolo benefico per la salute e pulizia dell’intestino. Sono sazianti e utili per chi desidera perdere peso perchè sono semi idrofili (hanno la capacità di assorbire i liquidi, fino a ben 10 volte il loro peso), e quindi danno sazietà.

Facilitano la digestione e proteggono le pareti dello stomaco.

I semi di chia si possono utilizzare e consumare in svariati modi:

  • nello yogurt, nel latte e cereali, insieme al muesli per la prima colazione;
  • nella preparazione di impasti come il pane, nelle focacce, nelle torte salate, sia sotto forma di semi che di farina;
  • per arricchire polpette veg, come polpette di lenticchie, di ceci o di spinaci;
  • per arricchire insalate di verdure fresche, ma anche di quinoa, miglio, orzo;
  • come gelatina o addensante; meno noto questo utilizzo, basta lasciare in ammollo per circa mezz’ora i semi in mezzo bicchiere d’acqua e si vedrà formarsi una specie di gelatina vegetale, molto versatile in cucina si può utilizzare come addensante nelle zuppe, nelle salse, nei dolci o nei frullati;
  • possono semplicemente essere assunti crudi, un cucchiaio circa al giorno con un bicchiere d’acqua, come integratore naturale;
  • possono essere assunti anche sotto forma di infuso, previamente tostati leggermente, insieme ad altre spezie, o bevande energetiche, frullandone un cucchiaio con succo di limone fresco e miele;
  • si ricorda infine che non contengono glutine e la loro assunzione è quindi possibile anche per chi soffre di celiachia o di intolleranze.
Annunci

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...